Castello di Breno

Castello di Breno
Comune:
Breno
Indirizzo:
Vicolo Orti, 25043 Breno BS, Italia
Cap:
25043
Provincia:
Brescia
Regione:
Lombardia

Descrizione

Castello di Breno
Castello di Breno - Foto by AssoLaTo
Castello di Breno
Il piccolo promontorio sede del castello fu molto probabilmente sfruttato a scopo abitativo fin dalla preistoria, sono infatti stati trovati nell'area diversi frammenti di selce, e sotto al torrione ghibellino addirittura reperti di un'abitazione neolitica di forma trapezoidale ed (esigue) tracce  di un'abitazione dell'età del rame.
La prima costruzione d'epoca storica fu la cappella dedicata a san Michele Arcangelo, seguita da cinque tombe fra cui una di bambino. Attorno al XII secolo la struttura venne ampliata in chiesa romanica, per poi essere demolita in un ampliamento del castello: oggi se sono visibili solo i basamenti.
Le costruzioni civili sorgono a partire dal XII secolo: un  palatium a due piani, oggi distrutto, probabilmente residenza dei Ronchi, potente famiglia di feudatari guelfi, la torre a torre adiacente alta una ventina di metri e coronata in origine di merli guelfi, e la casatorre.
Già dal 1250 la collina doveva esser cintata da una fortificazione, a cui si accedeva da una torre-porta.
Con la dominazione ghibellina i palazzi civili vennero trasformati dai signori milanesi in roccaforti militari, destinate al comandante e alle sue guarnigioni; inoltre le merlaturee si modificarono dallo stile guelfo al ghibellino.
La "Pace di Lodi" nel 1454 mise fine alle contese tra la Serenissima e Ducato di Milano per il controllo sulla valle: i territori bresciani e camuni passarono definitivamente sotto il dominio veneto. Per evitare eventuali episodi di resistenza, Venezia ordinò la distruzione di tutti i castelli presenti sul territorio valligiano, con l'esclusione di quello di Breno, che venne destinato ( tramutato in sede del reggimento locale), Cimbergo e Lozio, tenuti dalle famiglie Lodrone e Nobili schierate già nel conflitto con la Serenissima.
La fortificazione fu poi contesa ai francesi, ma nel 1518 (ormai priva di effettiva utilità strategica) venne privata della sua già risicata guarnigione, per poi essere infine  venduta al Comune nel 1598.

Dettagli

Potrebbero interessarti

Tags